Location: http://www.disafa.unito.it/robots.html
  • Sei in:
  • Home
  • Grandi attrezzature di ricerca

GRANDI ATTREZZATURE DI RICERCA

INFRASTRUTTURE PER LA RICERCA DEL DISAFA

Il Dipartimento è dotato di un elevato numero di risorse ubicate nei laboratori della sede principale presso il Campus di Grugliasco e nelle sedi extrametropolitane localizzate in posizioni strategiche nel territorio piemontese. Le principali risorse/infrastrutture strumentali sono:

-       Laboratori sperimentali situati sia nel Campus di Grugliasco sia nelle sedi decentrate equipaggiati con strumentazioni per l'analisi vegetale, del suolo, alimentare (2 LC MS-MS, 5 GC-MS, 6 HPLC, 5GC, 1 GC per gas, 2 Real Time PCR, 2 PCR,2 FT-NIR, 1 LDS-PCS, 1 XRD, 1 TEM, 1 CI, 1EA, 1TOC, 4AAS, 3 Texture analyzers, …), suddivisi e strutturati per temi specifici tra i quali l'analisi colloidale di superficie e mineralogia, la determinazione residui di contaminanti emergenti, la microbiologia, le tecnologie alimentari, la fisiologia e genetica vegetale, la patologia vegetale, la tecnologia del legno.

-       Centri sperimentali (4) finalizzate alle attività di ricerca in campoin ambito agroambientale per colture  arboree e orticole (Campus di Grugliasco, 8 ha) per le colture cerealicole, foraggere e  la zootecnica (Azienda di Tetto Frati, 14 ha, Carmagnola),  per le colture frutticole e vitivinicole (Azienda di Tetti Grondana, 17 ha, Chieri) e per l'apicoltura (Reaglie e Pragelato)

-       Serre sperimentali (450  m2) situate sia nel Campus di Grugliasco sia nelle aziende sperimentali.

-       Camere climatiche (140 m2) che supportano studi sperimentali di medio-lungo periodo in condizioni controllate.

-       Cantina Sperimentale (300 m2), situata a Chieri in locali, compresi nella azienda sperimentale Centro Bonafous.

 

LABORATORIO OPEN ACCESS

Il piano di sviluppo del Dipartimento, di concerto con la politica dell'Ateneo di Torino, ha previsto a partire dal 2013 l'allestimento di un laboratorio Open access, un'infrastruttura analitica di elevate prestazioni, dotata di un Analizzatore elementare per solidi e Spettrometro di massa per l'analisi di isotopi stabili EA-IRMS, e di uno Spettrometro di massa al plasma - ICP-MS.

L'EA-IRMS è uno strumento configurato per l'analisi di campioni solidi (suolo, frazioni minerali, materiale vegetale, materiale organico, fertilizzanti e ammendanti, filtri di vetro ecc..) per il contenuto totale di C e N, e i rispettivi rapporti isotopici δ13C, δ15N in una singola analisi. Lo strumento è composto di un analizzatore elementare (EA) dotato di autocampionatore capace di convertire quantitativamente per combustione il C e N totale presente nel campione in CO2 e N2, interfacciato con uno spettrometro di massa a flusso continuo capace di misurare i rapporti isotopici dei gas prodotti (δ13CO2 e δ15N2). 

L'ICP-MS è uno strumento configurato per l'analisi di campioni liquidi estratti da diverse matrici (alimenti, materiale vegetale e animale, suolo, frazioni minerali, biomasse, fertilizzanti e ammendanti, ecc..) per il contenuto di tutti gli elementi (esclusi C,H,N,O).  Lo strumento è composto di una pompa HPLC per la separazione delle diverse specie chimiche, autocampionatore, torcia al plasma (ICP) per produrre la ionizzazione dei diversi elementi e di uno spettrometro di massa (MS) per la separazione e rivelazione degli ioni prodotti. 

Regolamento laboratorio Open access (approvato in Consiglio di Dipartimento il 07/11/2017)

Ultimo aggiornamento: 23/11/2017 16:28
Campusnet Unito
Non cliccare qui!